Micol in “Arpa Rock”

Micol in “Arpa Rock”

04 maggio 2018

Auditorium Parco della Musica

Roma

inizio ore 21:00

All’Auditorium Parco della Musica di Roma, venerdi 4 maggio, l’arpista Micol, presenta in concerto, Arpa Rock, il suo album di debutto. Micol arriva a questa produzione al termine di un percorso che (dopo il diploma ottenuto presso il Conservatorio F. Morlacchi di Perugia con il massimo dei voti) l’ha vista protagonista all’inizio come arpa solista nell’ambiente classico con l’Orchestra Cherubini diretta dal Maestro Riccardo Muti in seguito come arrangiatrice di brani rock e pop per la sua arpa elettrica. L’arpa di Micol ha incantato spazi televisivi (tra cui Geo su Raitre e Music su Canale 5) e festival (Sherwood rock festival, Atina jazz Festival, Festival mondiale dell’arpa a Rio de Janeiro) con esecuzioni che sono delle vere e proprie indimenticabili performance. “Arpa Rock” segna una tappa importante nel percorso di Micol come sperimentatrice dell’arpa: l’album è stato registrato da Fabio Ferraboschi presso lo studio Busker di San Faustino di Rubiera (Reggio Emilia).Micol ha scelto alcuni brani che hanno fatto la storia del rock, li ha riarrangiati e reinterpretati in un modo unico e personale. Si spazia dal rock al pop, dal dub al nu jazz, ci si immerge in veri e propri inni generazionali come Smell like teen spirit dei Nirvana di Kurt Cobain, Grace di Jeff Buckley, Firth of Fifth dei Genesis, Space oddity di David Bowie e ancora Með suð í eyrum dei Sigur Ross, No surprise dei Radiohead, Teardrop dei Massive Attack, e un immancabile Bruce Springsteen con Born to Run. I brani di Arpa Rock sono tutti “colorati” con l’elettronica tranne Stairway to heaven dei Led Zeppelin e Morning has broken di Cat Stevens per sola arpa elettrica. Unico brano Italiano è Luglio, agosto, settembre (nero) degli Area di Demetrio Stratos, una scelta senza dubbio molto interessante e fuori dagli schemi del mainstream. Quando i polpastrelli di Micol toccano le corde dell’arpa tutto diventa improvvisamente possibile, ogni musica può uscire fuori, pronta ad emozionare e coinvolgere l’ascoltatore.Ad impreziosire il disco ospiti che testimoniano la capacità di Micol di coinvolgere colleghi illustri: in Firth of fifth il tocco di Sergio Cammariere al pianoforte modificato e in Space Oddity la voce e la chitarra di Davide Combusti in arte The Niro.Arpa Rock è una novità assoluta perché per la prima volta l’arpa (arpa elettroacustica nera) viene completamente stravolta nel modo di suonare proponendo un nuovo modo di interpretare lo strumento. Micol suona in piedi con l’arpa appoggiata su un cubo di legno inventato da lei che solleva lo strumento da terra e le permette di esprimersi fisicamente, quasi una danza, tanto che il Corriere della Sera l’ha definita “l’arpista che balla”.La musica di Micol non conosce limiti alla voglia di coinvolgere le persone nell’ascolto, nessun confine o pregiudizio nel repertorio.

Micol Picchioni, giovane musicista,ma già molto conosciuta grazie alle sue esibizioni a Webnotte di Repubblica , è stata scoperta da Ernesto Assante e Gino Castaldo, e vanta già un curriculum prestigioso . Dopo le collaborazioni in orchestre sinfoniche con direttori di fama come Riccardo Muti, artisti pop come Mika, Mario Biondi, Ron e numerose partecipazioni tv, Micol, ha portato il suo repertorio rock nelle piazze d’Italia ed Europa facendosi così conoscere. Dall’estate 2015 Micol si mette in gran evidenza aprendo i concerti di Goran Bregovic e di Gegè Telesforo ad Atina jazz festival, dove è tornata come protagonista nel 2017. E’ stata invitata a  Sherwood Rock Festival di Padova ,a Festambiente di Grosseto, e ad aprire il Festival Mondiale dell’Arpa a Rio De Janeiro . Numerose inoltre, sono state le interviste in televisione: due volte a Geo&Geo in diretta su Rai3 , Canale5 a “Tu si que Vales” e in prima serata a  “Music”, su Rai2 “I fatti vostri”, su Raiuno “i soliti ignoti”, su La7 ,”la Gabbia” e “Announo” .Inoltre su Avantionline, Repubblica.it. ,Corriere della Sera ,sulla rivista “Strumenti musicali” ,nella trasmissione “Hungary Hearts”su TV2000 (2017) e in cartellone con Carmen Consoli per il festival “A Farla Amare Comincia Tu”. Con i suoi arrangiamenti Rock e Progressive ,dai Genesis ai Led Zeppelin, dai Nirvana a Bruce Springsteen , Micol è riuscita a far conoscere l’arpa ad un pubblico più vasto e a farsi apprezzare nell’ambito rock.


Continuando ad usare il sito autorizzi l'uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi